Rischio fulminazione: perdite economiche e aggiornamento

Pubblicato il 09 Maggio 2022

Rischio fulminazione: perdite economiche e aggiornamento

Rischio fulminazione: perdite economiche e aggiornamento

Di Ing. Lorenzo Cusaro, direttore tecnico Lisa Servizi, consulente HSE 

All'interno della valutazione rischio elettrico nei luoghi di lavoro è compresa l'analisi del rischio fulminazione che viene descritto, in particolare, all'art. 84 dlgs 81 2008.

In estrema sintesi:

  • La valutazione del rischio fulminazione viene eseguita in base alla norma CEI EN 62305 e comprende il calcolo di: R1 (Rischio Vita) e R4 (Rischio Perdite Economiche).

  • La valutazione del rischio fulminazione deve essere aggiornata con scadenza riportata nel report di Calcolo di Ng.

Rischio fulminazione - perdite economiche e aggiornamento

Rischio Fulminazione: norma CEI EN 62305

Si può dire che la norma CEI EN 62305 sia in vigore, pressoché invariata, dal 2013.

Il datore di lavoro potrebbe trovare la valutazione rischio fulminazione all’interno della relazione del progetto dell’impianto elettrico:

  • Se così fosse la relazione sarebbe antecedente al 2013 e richiederebbe un aggiornamento.

  • Se così non fosse, la valutazione rischio fulminazione potrebbe andare bene.

Perché nell’ultima frase è d'obbligo il condizionale?

Una delle modifiche che si è avuta in questi anni è sul valore Ng (la densità di fulminazione) che è uno dei dati in ingresso per i calcoli del rischio fulminazione: all’inizio il valore di Ng era tabellare, successivamente derivava da una interrogazione a pagamento, tramite il servizio PROdis del CEI, senza scadenza.

Ad oggi, con le modifiche della norma CEI EN 62858 (in base alla quale si calcola Ng), il valore di Ng viene fornito sempre dal PROdis, ma la sua validità ha una scadenza.

La data di scadenza di questo valore è fornita direttamente dal CEI (vedi immagine sotto):

Rischio Fulminazione - norma CEI EN 62305

 

Rischio Fulminazione: Strutture Autoprotette

Il Datore di Lavoro deve gestire le scadenze in modo efficace e semplice (a tal proposito vi segnaliamo il nostro software ESR per la gestione delle scadenze HSE, visita il link per maggiori informazioni).

Il risultato che tutti puntano ad avere è che la struttura sia protetta dalla fulminazione, meglio se Autoprotetta ovvero senza l’obbligo di installare LPS (Lightning Protection System, parafulmini) o SPD (Surge Protection Device, scaricatori di sovratensione).

Il fatto che il valore Ng muti nel tempo potrebbe determinare, vari scenari:

  • Se Ng è invariato o diminuito, salvo modifiche alla norma CEI EN 62305, il risultato non peggiorerà. In questo caso dovreste salvate questa interrogazione ed aggiornate la data di scadenza del DVR Fulminazione.

  • Se Ng è aumentato diventa opportuno rifare i calcoli in quanto si potrebbe avere il passaggio da una struttura Autoprotetta ad una struttura da proteggere.

Anche nella seconda ipotesi non è detto che si debba per forza installare un LPS e/o un SPD: starà alla bravura del consulente proporre una soluzione che, con un approfondimento di analisi nei parametri utilizzati (ad esempio la resistività del suolo) o l’introduzione di impianti che possano avere una duplice funzione (ad esempio impianti di rilevazione, utili sia per il rischio di incendio che per quello di fulminazione), riesca a far tornare la struttura Autoprotetta.

Solo in seguito, se tutte le simulazioni proposte portassero ad un vicolo cieco, la protezione delle strutture si dovrà fare.

Rischio Fulminazione - Strutture Autoprotette

Rischio Fulminazione: Rischio Vita (R1) e Rischio Perdita Economica (R2)

Un altro aspetto da sottolineare è che normalmente nelle relazioni di calcolo del Rischio Fulminazione, e per il dlgs 81 2008, ci si accontenta/sofferma solo sulla valutazione del Rischio Vita (R1) tralasciando completamente il Rischio di Perdita Economica (R4).

R1 e R4 sono legati ma non sono la stessa cosa dato che potrebbero avere risultati diversi: una struttura potrebbe essere Autoprotetta per R1 ma da proteggere per R4.

Il valore di R4 dipende dal valore del bene/i contenuti nella struttura o, a parità di dimensioni e contesto abitativo, dal valore della struttura stessa.

Per comodità, normalmente, i consulenti omettono il calcolo di R4 e, per ignoranza, i committenti, non fanno alcuna domanda accontentandosi di leggere "Struttura Autoprotetta" sul DVR Fulminazione, tirando un profondo sospiro di sollievo.

Lascio un’ultima riflessione ai committenti e ai consulenti: siamo sicuri che lo scenario dove un’azienda perde tutto perché va a fuoco, o perché tutte le macchine si fulminano, sia effettivamente uno scenario economicamente accettabile?

La pandemia COVID 19 ci ha insegnato cos’è un cigno nero, bene i fulmini non lo sono: preveniamo.

Rischio Fulminazione - Rischio Vita (R1) e Rischio Perdita Economica (R2)

Lisa Servizi mette a disposizione diversi servizi di valutazione dei rischi tra cui il servizio di valutazione del rischio elettrico e del rischio fulminazione.

Scoprili cliccando sui link.

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*