Obbligo di Green Pass per i lavoratori dal 15 Ottobre

Pubblicato il 17 Settembre 2021

Obbligo di Green Pass per i lavoratori dal 15 Ottobre

Obbligo di Green Pass per i lavoratori dal 15 Ottobre

Il 16 Settembre 2021 il consiglio dei ministri si è riunito è ha approvato una bozza preliminare del nuovo decreto che introduce l'obbligo di Green Pass per i lavoratori in Italia, siano essi dipendenti pubblici o privati.

Successivamente, il 22 Settembre 2021, è entrato in vigore il Decreto Legge 127/21 che ha ufficializzato il provvedimento.

Abbiamo già parlato diverse volte in questi mesi delle estensioni dell'obbligo d'uso della certificazione verde, in particolare nei nostri articoli del blog "Quando è obbligatorio il Green Pass?" e "Obbligo di Green Pass trasporti pubblici, scuole e università", e oggi vogliamo aggiornarvi con le ultime novità.

Già da tempo si è parlato della possibilità di estendere l'obbligo di questa certificazione anche ai lavoratori, abbiamo dedicato l'articolo del nostro blog Obbligo vaccino o Green Pass per lavoratori, si o no?" alla disamina di diverse posizioni sulla questione, ed ora il governo ha preso una posizione decisa.

Nell'articolo di oggi ci dedicheremo quindi ad approfondire questa nuova decisione.

Obbligo di Green Pass per i lavoratori dal 15 Ottobre

Obbligo di Green Pass: le nuove regole

La nuova bozza di legge approvata dal governo prevede, a partire dal 15 Ottobre 2021, l'obbligo di Green Pass per i lavoratori in Italia.

Il datore di lavoro sarà tenuto a verificare che i propri dipendenti siano in possesso della certificazioner verde prima che essi accedano al posto di lavoro.

Questa nuova legge, se approvata, sarà valida fino al 31 Dicembre 2021 giorno in cui, salvo ulteriori prolungamenti, si concluderà lo stato di emergenza in Italia.

La regola avrà valore sia nei confronti dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sia nei confronti dei dipendenti delle aziende private e sarà compito dei datori di lavoro, o di persone da essi delegate, verificare che i lavoratori siano in possesso di certificazione verde in corso di validità al momento dell'ingresso al posto di lavoro.

I metodi di controllo dovranno essere stabiliti dai datori di lavoro entro il 15 Ottobre 2021, in questa fase dovranno essere altresì identificati con atto formale gli incaricati del controllo.

In calce all'articolo trovate il file scaricabile gratuitamente "Modello Nomina Addetto al controllo della certificazione verde dei lavoratori"  utilizzabile come atto formale per incaricare un soggetto del controllo delle certificazioni verdi dei dipendenti dell'azienda; per poter usare il modello dovrete modificarlo e inserirlo in carta intestata della vostra azienda.

Obbligo di Green Pass - le nuove regole

Obbligo di Green Pass per i lavoratori: le nuove sanzioni

Nel caso in cui il lavoratore non sia in possesso di una certificazione verde in corso di validità al momento dell'ingresso in azienda l'accesso al posto di lavoro può essergli precluso e sarà considerato assente ingiustificato.

In questa situazione, qualora non provveda ad ottenere un Green Pass valido entro 5 giorni, il dipendente può essere sospeso dal lavoro e non avrà diritto ad ottenere alcuna retribuzione.

Nel caso in cui riesca ad eludere gli eventuali controlli all'ingresso, il dipendete sarà comunque soggetto a possibili accertamenti a campione che potranno generare una sanzione pecuniaria tra i 600€ e i 1500€; allo stesso modo il datore di lavoro che non si sia accertato del rispetto dei controlli rischierà a sua volta una multa compresa tra i 400€ e i 1000€.

In ogni caso il lavoratore non rischierà di vedere annullato il proprio contratto di lavoro ma questo verrà semplicemente sospeso fino alla scadenza della validità della legge.

Obbligo di Green Pass - le nuove sanzioni

Obbligo di Green Pass per i lavoratori: attività di formazione aziendale

La nuova norma di legge riguardante l'obbligo di Green Pass per i lavoratori si deve applicare anche a tutti coloro che parteciperanno ad eventi formativi aziendali sia in qualità di docenti che in qualità di studenti.

Riportiamo di seguito 3 possibili esempi di attività di formazione indicando chi dovrà verificare la certificazione verde dei partecipanti:

  • In caso di attività di formazione presso sale corsi e CFA il controllo della certificazione verde dei frequentanti e del docente sarà a carico del direttore del centro di formazione.

  • In caso di attività di formazione presso un'azienda cliente il controllo della certificazione verde dei frequentanti e del docente sarà a carico del datore di lavoro dell'azienda ospitante.

  • In caso di attività di formazione presso sale corsi di alberghi, centri congressi, luoghi di coworking, ecc. il controllo della certificazione verde dei frequentanti e del docente sarà a carico di un responsabile individuato dalla struttura ospitante o dall'ente promotore del corso (che ovviamente dovrà accordarsi con la struttura stessa).

Obbligo di Green Pass in Italia - attività di formazione aziendale

Obbligo di Green Pass in Italia: altre novità

Un'altra novità è l'introduzione dell'obbligo di certificazione verde per il personale dei tribunali ivi compresi: personale amministrativomagistrati.

Rimangono comunque esenti dall'obbligo, in questo caso, "avvocati e altri difensori, consulenti, periti e altri ausiliari del magistrato estranei alle amministrazioni della giustizia, testimoni e parti del processo".

In aggiunta a quanto detto finora va anche segnalato che il decreto introduce anche l'obbligo per le farmacie di effettuare tamponi "calmierati" ovvero a prezzi contenuti ma comunque sufficienti a coprire i costi d'acquisto.

In particolare si prevede il costo di 8€ per tamponi rivolti a minorenni15€ per tamponi rivolti ad adulti.

Il costo del tampone sarà comunque a carico del lavoratore, non sarà l'azienda a doverne coprire il prezzo.

I lavoratori esenti dall'obbligo vaccinale potranno ad ogni modo sottoporsi gratuitamente al tampone.

Il nuovo decreto dovrebbe inoltre allargare la validità del Green Pass successivo a un tampone molecolare fino a 72 ore.

Obbligo di Green Pass in Italia - altre novità

In seguito lasciamo le fonti, e la documentazione utile, per maggiori informazioni sulla questione:

 

Per prepararti ad affrontare questo cambiamento abbiamo messo a disposizione un servizio di consulenza per l'implementazione delle procedure di controllo del Green Pass, se vuoi ulteriori informazioni clicca sul link!

Per affrontare la situazione di emergenza nel miglior modo possibile Lisa Servizi offre il "Corso formazione covid manager e-learning".

Con Lisa Servizi, inoltre, la formazione non si ferma mai: scopri il nostro catalogo di corsi e-learning fruibili ovunque e in qualunque momento.

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*